News

Più cultura del rischio dopo la pandemia

L'emergenza sanitaria ha fatto emergere maggiore consapevolezza nei board in merito all'adozione di un adeguato approccio di risk management e sul ruolo attivo dei cda nella verifica che questo sia diffuso nell'impresa

Elena Cappello, Consigliere indipendente, membro del Consiglio di Amministrazione di Prysmian, TelecomItalia, Saipem, Luminor Bank

In questo video mettiamo in evidenza come il consiglio di amministrazione sia sempre più chiamato a integrare la strategia e la pianificazione con i rischi strategici con i quali le aziende sono chiamate a confrontarsi, tenendo sempre presente il contesto globale.
Abbiamo visto come la pandemia, per esempio, abbia avuto effetti di incertezza sul Pil e sul mercato del debito.

È quindi fondamentale essere in grado di realizzare un vero e proprio salto culturale che consenta di passare da una visione specialistica del rischio a una olistica e da una pianificazione a breve a un’altra di lungo termine.

Per realizzare questi obiettivi centrali servono anche le competenze interne ai cda che vanno valorizzate con un’azione di formazione e di sensibilizzazione nei confronti, in particolare, delle tematiche ESG dalle quali non è possibile prescindere

Download Nulled WordPress Themes
Download Premium WordPress Themes Free
Download Nulled WordPress Themes
Premium WordPress Themes Download
ZG93bmxvYWQgbHluZGEgY291cnNlIGZyZWU=
download samsung firmware
Download WordPress Themes Free

Video

Maria Elena Cappello


  • Condividi articolo:

ARTICOLI CORRELATI
30/09/2020

CDA poco coinvolti nelle strategie ESG – Il Sole 24 Ore Plus

Leggi
30/09/2020

Business e beneficio comune: le Società Benefit

Leggi
30/09/2020

Collegio sindacale “nevralgico” nel post-Covid

Leggi

button up site