Biblioteca ned

Consigli di lettura – ottobre 2020

L’epidemia di Covid ha fatto emergere con forza il tema del benessere psicologico dei lavoratori, spesso costretti allo smart working. Ecco di seguito una lettura illuminante che raccoglie i contributi di esperti provenienti da aree disciplinari differenti, tutti concordi, però, sul fatto che la strada per far star bene noi stessi come lavoratori e l’azienda per cui lavoriamo passa dalla mente

GettyImages

(a cura di Enrico Sassoon), Happiness e Mindfulness, Harvard Business Review, A&F, Mind.

Con la crisi pandemica il mondo del lavoro ha dovuto affrontare un contesto emergenziale e inatteso e inventarsi nuovi modi di lavorare. Grazie alle tecnologie digitali diverse modalità di smart working hanno permesso di mantenere produttività e relazioni, ma per molti isolamento, precarietà e paura per il futuro hanno costituito motivo di ansia e difficoltà, senza contare il dramma vissuto della malattia.

Come prendersi cura di se stessi per stare meglio e coniugare il lavoro con un modo più equilibrato e sereno di vivere il presente e il futuro? Non sembra un tema di business ma in realtà il volume di HBR, che raccoglie una quindicina di saggi, ci ricorda che stare bene e migliorarsi favorisce buone relazioni, migliore interazione e creatività, aiuta le persone a lavorare meglio. Happiness e Mindfulness ci presenta una serie di articoli di esperti organizzativi e terapeuti che illustrano il valore della felicità e della soddisfazione e ci guidano in alcune metodologie e approcci per conquistare felicità e consapevolezza.

Il volume propone contributi di aree disciplinari differenziate che evidenziano come la felicità e il benessere interiore promuovano un miglior contributo e possano diventare fattori chiave di sviluppo nelle organizzazioni. Partendo dalle radici culturali del diritto alla felicità, il volume fornisce una serie di contributi su qualità e componenti di un benessere contemporaneo che esplora il rapporto col tempo, col lavoro, con se stessi e con gli altri. I lavoratori felici sono più performanti e possono contribuire in modo prezioso al mondo del business ma per raggiungere un modo positivo e felice di lavorare occorre definire percorsi di training e lavoro individuale fino ad oggi terreno di psicologi e neuroscienziati.

La felicità, comunque la si definisca, va costruita con metodo e tecniche specifiche. Ecco quindi il ruolo della psicologia positiva, il valore dell’esercizio fisico, il contributo del riposo e del sonno, la spinta positiva dell’altruismo praticato; il tutto evidenziato da esempi e ricerche dei diversi autori. La mindfulness, cui è dedicata la seconda parte del volume, propone tecniche specifiche per sviluppare consapevolezza e attraverso questa una padronanza di comportamenti nei momenti di tensione e di sentimenti negativi. Come alcuni degli autori ci illustrano, praticare la mindfulness significa focalizzare la mente sul qui e ora, cercare la quiete e con essa l’accettazione di situazioni negative senza identificarsi in essi ma prendendone il giusto livello di distacco e visione “dall’alto”.

La mente esercitata alla quiete e all’accettazione affronta in modo più costruttivo le difficoltà; persino l’eccesso di generosità può portare ad una esasperata logorazione di se stessi, e per uscire da questi stati negativi della mente la mindfulness ci porta a sviluppare una consapevolezza che in ogni contesto, di lavoro o personale, può estrinsecarsi in maggior forza e resilienza, in una forma di leadership nuova e positiva.

I contributi di noti studiosi come Goleman e molti altri ci guidano nella comprensione che praticare la mindfulness è un allenamento non molto diverso da quello in altri campi disciplinari: il pensiero positivo e la gestione dello stress sono frutto di allenamento metodico e quotidiano, richiedono concentrazione, ma costruiscono una modalità di interazione con se stessi e gli altri che può fare la differenza nel gestire progetti e relazioni e immettere dinamiche prive di conflittualità e aggressività.

Nella costruzione delle nuove modalità di lavoro post Covid, cosi come in una visione più sostenibile del capitale umano al servizio del business, un posto per le tecniche che aiutino a gestire meglio la mente e le emozioni è certamente da sostenere. Molte aziende hanno iniziato a proporre mindfulness e meditazione ai propri dipendenti. In un contesto sempre più incerto e complesso allenare la mente alla ricerca di accettazione e mood positivi può rappresentare una leva fondamentale di motivazione, uno strumento nuovo per risolvere i problemi e per scoprire che lavorando su se stessi si migliora la propria performance e si creano contesti più creativi, facilitando cosi l’emersione di modelli nuovi migliori di vivere e lavorare.

Download Best WordPress Themes Free Download
Download WordPress Themes Free
Download WordPress Themes Free
Download Premium WordPress Themes Free
free download udemy course
download mobile firmware
Download Nulled WordPress Themes
button up site