News

Toni depressi alla Tavola Rotonda AIAF sul Sistema bancario italiano

Il 26 novembre scorso ho “moderato” parte del convegno Aiaf su “Banche, valore e riflessioni sul sistema”. Non c’era bisogno di moderazione, i toni erano già depressi per conto loro. Difficile in questo contesto cercare di tenere al centro della discussione le questioni di policy nella prospettiva dell’interesse pubblico. 

È stata messa in luce la scarsa confrontabilità dei bilanci di banche di Paesi diversi. Sapevamo che il single rule book è esigenza assai sentita dai regolatori e la discussione ne ha offerto con chiarezza le ragioni. Conforta che la Banca d’Italia, rappresentata al convegno da Fabio Panetta, vice direttore generale, tenga la guardia alta evitando interpretazioni disinvolte. 

È confermato quel che già era chiaro a tutti: il periodo in cui le banche facevano bilanci d’oro e tutto sembrava andare bene è finito e non tornerà. Sofferenze e incagli sono in aumento. Di più, buona parte degli utili 2012 delle nostre banche verranno dalle attività di trading, proprio quelle che i regolatori di tutto il mondo sono (giustamente) intenzionati ad inibire loro. Si pensi alla “Volcker Rule” negli Usa, al rapporto Vickers nel Regno Unito, a quello di Liikanen nella Ue. Tutti prevedono gradi più o meno stringenti di separazione fra attività di banca commerciale e negoziazione di titoli per conto proprio: quella appunto che oggi rimpolpa gli scheletrici utili bancari. Auguri! 

Ha destato preoccupazione nei rappresentanti delle banche presenti all’incontro l’attività di shadow banking, che in un altro convegno – successivo di qualche giorno a quello dell’Aiaf e tenutosi a Roma – è stato definito come “provvista sul mercato monetario di finanziamenti fatti sul mercato dei capitali”. Se a Milano si sono levate voci per una regolamentazione dello shadow banking analoga a quella dell’attività bancaria ordinaria, i rappresentanti di Banca d’Italia al convegno romano hanno detto che già da decenni Via Nazionale lo fa. 

Per guadagnare le banche dovranno fare efficienza e tagliare i costi; non potranno più contare su quel cross selling che Mc Kinsey e tutti i consulenti hanno “venduto” alle nostre banche intorno alla fine del secolo scorso. È una buona notizia, si spera finiscano così anche i furti con destrezza compiuti alle spalle di risparmiatori troppo ignoranti sì, ma il cui principale torto è stato di fidarsi di banche di cui non dovevano fidarsi. Sono troppi i casi nei quali il capitale di fiducia che le banche avevano accumulato lentamente è stato velocissimamente dilapidato. 

Le poche banche globali sistemiche saranno al centro dell’attenzione, per i riflessi sul sistema legati alle loro complicate interconnessioni. Era ora che, in tema, si passasse dalle parole ai fatti. Tali istituti sono facile fonte di contagio e l’effettivo controllo dei loro rischi è quasi impossibile. Si pensi solo agli innumeri casi di trader che hanno creato ammanchi clamorosi: da Baring (Leeson) a SocGen (Kerviel) a Abodoli (Ubs), alla “Balena londinese” di JPMorgan. 

La crisi induce i regolatori nazionali a voler “recintare” la liquidità delle banche all’interno dei confini. Questa “balcanizzazione” del mercato monetario, il più liquido, e quindi mobile, che esista, è un assurdo insulto al mercato unico, cui solo la realizzazione dell’unione bancaria, nelle sue varie componenti, può porre fine. 

Grande e generale è la preoccupazione sulla stretta del credito, che i dati disponibili confermano. Stenta però ad affermarsi la piatta verità: se le banche sempre meno finanzieranno l’economia, dovrà essere sempre più il mercato a farlo: sottoscrivendo titoli di debito, certo, ma anche e soprattutto azioni. Serve più capitale di rischio; se davvero vogliamo sviluppo bisogna che una parte non trascurabile di ricchezza che oggi resta oziosa si metta al servizio dell’economia reale. Senza un ricorso massiccio a tale finanziamento, le imprese non cresceranno e le banche saranno afflitte da altissime incidenze di crediti dubbi. 

La conciliazione delle due contrastanti esigenze, quella di finanziamento dell’economia reale, e quella di riduzione dei rischi bancari, richiederà però abilità diaboliche, solo ricorrendo alle quali possiamo sperare che, magari in un giorno non troppo lontano, possano essere le banche a finanziare l’economia, e non viceversa.

Download WordPress Themes Free
Download Premium WordPress Themes Free
Download Best WordPress Themes Free Download
Download Nulled WordPress Themes
free download udemy course
download redmi firmware
Download WordPress Themes Free

  • Condividi articolo:
button up site