News

La buona Governance durante la crisi non è servita

Riprendiamo questo articolo pubblicato il 2 febbraio di quest’anno su la Newsletter Bocconi Knowledge a cura di Fabio Tedesco, in quanto contiene alcuni ragionamenti interessanti sulla crisi prolungata dell’economia e le relazioni con la governance. In realtà il titolo avrebbe dovuto piuttosto essere il seguente: la governance non ha influito sulla performance delle banche durante la crisi, salvo che più i boards sono stati vicini agli azionisti, più hanno influito negativamente. 
Infatti l’articolo evidenzia perché alcune banche hanno avuto performances migliori di altre 2007-2008. E un consiglio di amministrazione vicino agli interessi degli azionisti non è una delle ragioni.

Ecco l’articolo

Un consiglio di amministrazione vicino agli interessi degli azionisti (shareholder friendly) si è rivelato uno svantaggio per le grandi banche internazionali nel corso della crisi del credito che si è protratta da metà 2007 alla fine del 2008. Questa è la conclusione più sorprendente, controintuitiva e, forse, scomoda di The Credit Crisis around the Globe: Why Did Some Banks Perform Better? 1 
Nell’articolo, due studiosi (Andrea Beltratti e André Stultz) studiano le ragioni per cui alcune banche hanno avuto performance migliori di altre durante la crisi, testando le argomentazioni suggerite da accademici, giornalisti e politici, secondo cui “regolamentazione lasca, capitale insufficiente, eccessivo ricorso ai finanziamenti di breve termine e cattiva governance hanno reso ancora più grave la crisi”. Gli autori finiscono per confermare il ruolo negativo dell’insufficienza di capitale e del finanziamento di breve termine, ridimensionano gli effetti della regolamentazione e confutano le idee prevalenti sulla governance. 
In un campione di 164 banche di 32 paesi con attività totali superiori ai 50 milioni di dollari a dicembre 2006, gli autori evidenziano una forte differenza tra la performance (misurata come ritorno medio per chi avesse comprato e tenuto in portafoglio le azioni degli istituti) nel 2006 (32,37%) e nei sei trimestri di crisi, luglio 2007-dicembre 2008 (-51,84%), e osservano una notevole deviazione standard nel periodo della crisi (27,74%, con una gamma di ritorni che va dal -99,5% al 29.14%). Dividono poi le performances in quartili, confrontano le caratteristiche delle banche che hanno avuto i peggiori e i migliori risultati e conducono regressioni multiple per individuare le determinanti delle performances
La crisi, sottolineano, ha in un certo modo invertito l’ordine delle performance. Le banche dell’ultimo quartile (ritorno medio durante la crisi -85,23%) avevano avuto, nel 2006, risultati migliori (38.71%) delle banche del primo quartile (che registrano un ritorno medio del -15,15% durante la crisi, ma un relativamente limitato 25,96% nel 2006). “Le banche con le migliori performances sono banche più tradizionali”, scrivono gli autori, con “una quota di equity significativamente maggiore e, dunque, una leva inferiore alla fine del 2006”. Hanno un più alto rapporto di depositi, non soggetti a fughe quando assicurati, sulle attività, e sono meno diversificate delle altre, provenendo spesso da paesi con una più stretta regolamentazione. 
La regolamentazione risulta comunque rilevante per un solo aspetto: le restrizioni sulle attività delle banche, che hanno loro impedito di impegnarsi in attività che hanno dato risultati inaspettatamente cattivi durate la crisi. Gli autori ammettono, comunque, di non aver potuto misurare l’attivismo dei regolatori nazionali, e che questo potrebbe avere avuto qualche rilevanza. 
La diversificazione delle attività potrebbe spiegare anche il risultato più controintuitivo del paper. Beltratti e Stultz notano che l’unica dimensione della governance con un effetto significativo sulla performance delle banche durante la crisi è la vicinanza dei consigli d’amministrazione agli azionisti, misurata da un indice costruito con i dati di Institutional Shareholder Services su caratteristiche del consiglio quali l’indipendenza, la composizione dei comitati, le dimensioni e la trasparenza – e tale effetto è negativo. Mentre la visione prevalente vuole che le banche con consigli d’amministrazione vicini agli interessi degli azionisti siano meno rischiose delle altre, l’evidenza dimostra che ciò non era vero neppure prima della crisi e che la loro performance durante la crisi è stata significativamente peggiore della performance delle altre banche. 
“Queste evidenze”, concludono gli autori, “sono coerenti con la visione secondo cui le banche che sono cresciute di più in settori che hanno finito per avere cattivi risultati durante la crisi stavano implementando, prima della crisi, politiche gradite agli azionisti”. Gli azionisti, in altre parole, erano soddisfatti degli alti ritorni di attività diversificate e rischiose, fino a quando queste hanno causato perdite inaspettatamente rilevanti durante la crisi.

Note

1. Articolo di Andrea Beltratti (Dipartimento di Finanza) e René Stultz (Ohio State University) pubblicato sul Journal of Finance Economics (Volume 105, Issue 1, July 2012, Pages 1-17, doi: 10.1016/j.jfineco.2011.12.005).


© RIPRODUZIONE RISERVATA

Free Download WordPress Themes
Download Best WordPress Themes Free Download
Download WordPress Themes
Download Best WordPress Themes Free Download
udemy course download free
download redmi firmware
Download Nulled WordPress Themes

  • Condividi articolo:
button up site